17 Luglio 2024
News
percorso: Home > News > News Generiche

Premiazioni Giotto Award international per la stilista internazionale Dott.ssa BELINDA FERRARO UNA VITA TRA MODA, SPORT, E SOCIALE.

08-07-2024 14:41 - News Generiche
All’interno della manifestazione nella giornata del 5 luglio presso la sala Borsellino di Palazzo Vermexio si è tenuto un evento di International art Prize Giotto e Intellisystem Technologies dedicato a un argomento molto attuale: l’intelligenza artificiale e l’arte.

Per spiegare il rapporto arte e scienza, antico connubio e le opere generate dell’intelligenza Artificiale, sono stati presenti due relatori d’eccezione: il Prof. Cristian Randieri di Intellisystem Technologies, Ricercatore e Professore dell’Università eCampus, e membro del Forbes Technology Council, la dott.ssa Melinda Miceli critico d’arte di Enciclopedia d’arte italiana presidente del celebre International art prize Giotto e Premio Internazionale La Fenice d’oro, dove si svolta la premiazione dei seguenti artisti segnalati dal comitato scientifico per aver utilizzato l’AI e aver partecipato a cataloghi virtuali: Sebastiano Cosimo Auteri, Claudia Salvadori, Belinda Ferraro B&M Ferraro Foundation New York city, Marco Troia, Andreas Martin Fedrigo, Felice Iafisco, Tina de Luca, Miguel Angel Acosta Lara artista digitale internazionaleautore della locandina. Patrocini morale di Stampa Parlamento, Corriere nazionale, Globus, Informasicilia, Luz Cultural, Spagna etc…


Ha spiegato il critico d’arte Melinda Miceli: “Il premio International art Prize Giotto, sostiene da sempre le nuove tecnologie e tiene il passo con la modernità d’avanguardia nell’arte avendo già creato il Catalogo digitale delle arti contemporanee e la Prima mostra metaversa europea dal titolo Altare della pace. L’incontro mirerà a esplorare il futuro con ambiente 3D virtuale che immagina la futura trasformazione delle opere, rivelando infatti l’ossatura del metaverso e avverando il sogno di creare mondi virtuali immersivi del tutto simili al mondo reale. Altresì le nuove frontiere della fotografia nell’era dell’Intelligenza artificiale, fanno comprendere come l’IA stia influenzando e trasformando il modo in cui concepiamo la fotografia e come questa tecnologia possa migliorare l’efficienza e la creatività dei fotografi”.


Sono profondamente onorata di aver ricevuto il premio Giotto Award international - ha affermato Belinda Ferraro.

“L’intelligenza artificiale può rendere l’industria della moda più sostenibile riducendo la probabilità di previsioni imprecise”.

L'intelligenza artificiale, o IA, rappresenta infatti una delle più affascinanti frontiere dell'innovazione nel nostro mondo digitale ed è una delle tecnologie in più rapida evoluzione, in particolare nel mondo della moda: la fusione tra tecnologia e stile ha dato vita a una nuova era in cui l'IA non solo modella il futuro delle tendenze, ma si impegna anche a rendere la fashion industry più sostenibile.

Dott.ssa Ferraro Quali sono gli obiettivi che il settore del fashion riesce ad ottenere attraverso l'intelligenza artificiale?

Da un articolo che ho letto : per raggiungere gli obiettivi principali è necessario integrare l'intelligenza artificiale in ogni fase del ciclo di vendita dei prodotti moda. Tale integrazione mira a migliorare l'efficienza operativa, ridurre l'impatto ambientale e offrire un'esperienza più personalizzata ai consumatori.

In particolare, questa nuova tecnologia permette di:
Ottimizzare la produzione, migliorare l'efficienza dei processi produttivi attraverso l'automazione e l'ottimizzazione, riducendo gli sprechi di materiali e migliorando la gestione della catena di approvvigionamento. Personalizzare l'esperienza di acquisto: utilizzare l'IA per analizzare i dati dei consumatori e offrire raccomandazioni personalizzate, migliorando l'esperienza di shopping online e aumentando la soddisfazione del cliente. Sostenibilità ambientale: implementare soluzioni basate sull'intelligenza artificiale per ridurre l'impatto ambientale dell'industria della moda, ottimizzando l'uso delle risorse, promuovendo materiali sostenibili e incoraggiando lo sviluppo ecologico per garantire un minor impatto ambientale. Gestire la supply chain: ottimizzare la catena di approvvigionamento attraverso l'analisi predittiva e l'automazione, migliorando la pianificazione della produzione, la distribuzione e la gestione degli stock. Riciclare e riutilizzare: sviluppare soluzioni basate sull'IA per facilitare il riciclo e il riutilizzo dei materiali, contribuendo a ridurre i rifiuti nell'industria della moda.
“Quindi questo riconoscimento non è solo una testimonianza del mio impegno personale, ma anche un riflesso del sostegno incrollabile e della dedizione ancora una volta del mio team. Questo riconoscimento mi spinge ulteriormente a continuare a lottare sempre di più su tutti i fronti, e soprattutto per l'eccellenza e a promuovere un ambiente di collaborazione e innovazione, grazie per aver riconosciuto i miei sforzi. Mi sento inoltre in dovere di ringraziare nuovamente il mio team della B&M FERRARO FOUNDATION NEW YORK CITY, ma soprattutto il mio grande vice presidente Dott. Maurizio Pezzati, senza il quale non sarebbe stato possibile raggiungere questi grandi traguardi. Concludo esprimendo Un Grazie di cuore da parte mia e di tutta la B&M FERRARO FOUNDATION NEW YORK CITY alla dott. Ssa Melinda Miceli per essere stata selezionata per questo prestigioso premio”.

Fonte: B&M FERRARO NEW YORK CITY

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie