16 Ottobre 2021
News
percorso: Home > News > News Generiche

UN GRANDE UOMO COME GIANLUCA VIALLI

03-07-2021 13:57 - News Generiche
DA PRESIDENTESSA DI UNA SQUADRA DI CALCIO FEMMINILE VORREI DEDICARE UN PENSIERO AD UN GRANDE CALCIATORE E SPECIALMENTE UN GRANDE UOMO COME GIANLUCA VIALLI:
Tra i migliori centravanti degli anni 1980 e 1990,rientra nella ristretta cerchia dei calciatori che hanno vinto tutte e tre le principali competizioni UEFA per club, unico fra gli attaccanti. Vincitore di numerosi trofei in campo nazionale e internazionale, è stato capocannoniere dell'Europeo Under-21 1986, della Coppa Italia 1988-1989 in cui ha stabilito, con 13 reti, il record assoluto di realizzazioni in una singola edizione del torneo, della Coppa delle Coppe 1989-1990 e della Serie A 1990-1991.

Tra il 1985 e il 1992 ha totalizzato 59 presenze e 16 reti nella nazionale italiana, prendendo parte a due Mondiali (Messico 1986 e Italia 1990) e un Europeo (Germania Ovest 1988); al suo attivo anche 21 gare e 11 gol con l'Under-21, con cui ha disputato due Europei di categoria (1984 e 1986).

Più volte candidato al Pallone d'oro, si è classificato 7º nelle edizioni 1988 e 1991. Nel 2015 è stato inserito nella Hall of Fame del calcio italiano. Questo è il Vialli Calciatore.




La speranza di Vialli è che la sua storia possa infondere speranza a chi si trova ad affrontare la stessa battaglia. IN UNA INTERVISTA VIALLI HA DICHIARATO: ho vinto il tumore, ora vincerò con la mia Nazionale “Sono stato un giocatore e un uomo forte e vulnerabile. Qualcuno si può essere riconosciuto con la voglia di fare qualcosa d’importante. Il cancro è più forte di me e se lo combatti perdi. Lui è un compagno di viaggio, a testa bassa, senza mollare, sperando che un giorno si stanchi e mi lasci vivere serenamente gli anni che ho davanti.

Segno di una rinascita, della forza di vita che non gli mai mancata, della speranza che non l’ha mai abbandonato. Il tornare in campo come capo della delegazione della Nazionale, tornare a cantare quell’inno che gli è mancato per tanto tempo, è stato il segno del suo ritorno alla vita.

VIALLI E MANCINI DUE GRANDI AMICI:
Il calcio, l'amicizia, la vita, fusi in un abbraccio. Quello fra Roberto Mancini e Gianluca Vialli è il gesto più iconico di questo Europeo azzurro, nell'estate in cui non solo in Italia ma in tutto il mondo si comincia a lasciarsi andare, a stringersi come quando non si conosceva la paura del virus.

La bellezza di un'Italia che il CT azzurro ha riportato a livelli di eccellenza si è riverberata in quel momento nella bellezza dell'amicizia e dell'amore per la vita. Vedere Vialli scattare come una molla dopo la dura battaglia combattuta nei mesi scorsi è qualcosa che fa bene all'anima: il suo ruolo di capo delegazione della Nazionale chiude più di un cerchio col proprio passato. Molto si è detto in questi giorni sull'anima di questa Italia, nel cui staff sono presenti – oltre ai gemelli del gol Mancini e Vialli – anche i vari Lombardo, Salsano, Evani e Nuciari.

Concludo dicendo: questi sono insegnamenti di vita, di grandi uomini come Mancini e Vialli.

In bocca al lupo Azzurri.

Belinda Ferraro













Fonte: ASD B&M FERRARO NEW YORK CITY

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
Utilizziamo i cookies
Questo sito utilizza cookie propri al fine di migliorare il funzionamento e monitorare le prestazioni del sito web e/o cookie derivati da strumenti esterni che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le tue preferenze, come dettagliato nella Cookie Policy. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. Cliccando sul pulsante ACCONSENTO, acconsenti all'uso dei cookie. Ignorando questo banner e navigando il sito acconsenti all'uso dei cookie.
Cookie Policy - Privacy Policy
Accetta i cookies necessari